Dal settore Cultura la parola del mese di gennaio: restituire

L’uomo dà la propria impronta ad ogni cosa con cui viene in contatto

La pagina curata da don Giuseppe Pellegrino, Vicario episcopale per la Cultura, propone per la riflessione del mese di gennaio la parola “Restituire”. Alla riflessione iniziale seguono: la segnalazione della ricostruzione del patrimonio cristiano in Iraq, dopo che i jihadisti hanno distrutto o danneggiato la totalità del loro patrimonio religioso, ora è arrivato il tempo di ricostruire; la restituzione del passato nell’archivio diocesano che conserva uno degli archivi meglio conservati, quello della famiglia nobiliare Pascal d’Illonza; la lettura di Gioacchino Pecci “La pratica dell’umiltà”; una cronaca dei lavori nella parrocchia di Roccavione per il recupero della vecchia casa canonica; la storia di una “restituzione” importante, il restauro del dipinto che rappresenta l’Ultima Cena oggi nell’aula magna del palazzo del Seminario a Cuneo. Vengono infine proposti gli itinerari danteschi 2021 come pellegrinaggio in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Per saperne di più clicca qui.