Grazie dell’entusiasmo per la Messa Rock

La lettera di don Carlo Occelli insieme all’equipe di Pastorale Giovanile

Messa Rock 2019

Oggi sono quindici giorni. Le cose si sedimentano, scendono nel profondo, mettono radici. Ho voluto lasciare passare qualche giorno perché ciò che risuona dentro si cristallizzi.

L’equipe della pastorale giovanile della diocesi di Cuneo desidera ringraziare per l’entusiasmo con cui ogni persona, gruppo, ente e istituzione bovesana ha contribuito alla riuscita dell’annuale “Messa Rock”.

Questo appuntamento è ormai da otto anni un’occasione sentita e partecipata, come abbiamo ben potuto vedere, da tanti giovani, ma anche dalle diverse generazioni che si riuniscono. Per noi è fonte di emozione e commozione notare come si crei un’attesa prima e una adesione accorata poi, alla manifestazione di una parola semplice e rivoluzionaria che, dall’Altare, è ancora capace di ispirare il percorso di vita di tante persone.

In queste ore e in questi giorni ci sono giunti, a voce e per scritto, tanti ringraziamenti da tante persone di tutte le età. Persone che hanno goduto di un momento di festa, persone che si sono sentite rinfrancate nella fiducia, bimbi che canticchiano i canti del coro. Da tante parti i complimenti per l’organizzazione e la capacità logistica.

Ci sentiamo grati nel rimandarvi molta parte di queste felicitazioni. Grazie al vostro supporto, alla generosità in tempo, risorse, competenze e energie, abbiamo potuto realizzare qualcosa che va al di là dei termini “manifestazione” o “evento”.

Da tutti noi giungano i più sentiti ringraziamenti a tutti, dai responsabili delle vostre associazioni e gruppi fino all’ultimo degli aiutanti. Non c’è stato altro che bene, seminato e condiviso. È meraviglioso vedere come in questi tempi, che tante letture etichettano come “oscuri”, ci siano esempi luminosi di dedizione e comunione.

Grazie dunque, da tutta l’equipe della Pastorale giovanile, da tutte le comunità cristiane, che nei nostri paesi, anche grazie alla fattiva collaborazione con persone come voi, seminano il germe di un futuro di speranza.

Dio vi benedica!

don Ocio